Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘CRISTIANI IN ASIA’ Category

Pennabilli? E dov’è Pennabilli? Sul sito di questa deliziosa cittadina marchigiana danno queste coordinate: “PianetaTerra, Italia, Marche, Pesaro e Urbino, Montefeltro”. E aggiungono una frase del poeta Tonino Guerra: «E’ bello se puoi arrivare in un posto dove trovi te stesso». E’ qui dunque – non a caso – che un gruppo di “cercatori del sè” ha deciso di realizzare dal 14 al 16 luglio 2010 un piccolo ma originale Festival dell’India ricco di racconti di viaggio, proiezioni di foto, presentazioni di libri, film di Bollywood, meditazioni collettive, danze kathak, concerti e altro….Un programma cui parteciperò anch’io, con una presentazione fotografica dello splendido pellegrinaggio giainista alla collina sacra di Shatrunjaya (nei pressi della città di Palitana nello stato settentrionale del Gujarat) e con la presentazione di un paio di film indiani, veri “classici moderni”: Lagaan – C’era una volta in India e Monsoon Wedding- Matrimonio indiano. Se volete vedere il programma completo leggete qui sotto.
MilleOrienti vi saluta per qualche giorno
e tornerà attivo dopo il Festival, cioè  il 17 luglio. Nel frattempo, cercate di godervi queste giornate estive….io vi ricordo le parole di un vecchio saggio di nome Osho: «Enjoy, people, because your Body is the Temple».

(altro…)

Read Full Post »

Ognuno è straniero per gli altri. E ovunque si voltino gli occhi, oggi, si vedono atti di violenza verso gli “stranieri”: in India, ma anche in altre parti del mondo asiatico e africano, “stranieri” vengono considerati spesso i cristiani, perseguitati in quanto tali, tanto che si comincia a parlare di “cristianofobia”. Su questo tema segnaliamo un libro pubblicato dal PIME a cura delle redazioni di Asia News e Mondo e Missione: Cristiani in India. Perseguitati per la giustizia.
E in Italia? Anche da noi le aggressioni agli stranieri, spesso senza alcun apparente motivo, si moltiplicano. Ultima in ordine di tempo quella del quartiere della Magliana a Roma, dove il recente raid contro un fast-food gestito da bengalesi è stato solo l’ultimo atto di una lunga serie di violenze da parte di italiani razzisti:  «in due anni almeno cinquanta aggressioni ai danni dei bengalesi», ha denunciato Siddique Nure Alam, più noto con il soprannome di “Batchu”, leader della comunità degli immigrati del Bangla Desh a Roma. Una comunità che oggi conta circa 27mila persone (perlopiù musulmane) e che nonostante gli episodi di violenza si è integrata quasi sempre con successo nel tessuto sociale di Roma.
Batchu  è il portavoce della Comunità di Migranti  Dhuumcatu, e dopo i recenti avvenimenti romani sarà interessante ascoltarlo riguardo ai temi dell’immigrazione e del rispetto delle identità altrui, tanto più in un dibattito in cui “gli altri”, “gli stranieri” questa volta sono i cristiani in Asia. L’incontro si intitola infatti «Dall’India all’Italia: il rispetto delle comunità religiose. La persecuzione dei cristiani in India nel suo contesto globale», e si tiene a Roma domani 17 marzo alle ore 18, presso la Chiesa Metodista (via Firenze 38). Oltre a Batchu intervengono R. L. Mangiavillano, educatore, e Sibi Mani Kumaramangalam, membro della Consulta cittadina delle comunità straniere. Coordinano l’incontro il pastore metodista Eric Noffke e Piero Pagliani, autore del volume Naxalbari, India: la rivolta nella futura terza potenza mondiale.

Read Full Post »

Quale sarà il futuro del Pakistan? Il 25 agosto l’agenzia Reuters  ha dato notizia della conferma talebani pakistaniufficiale della morte del capo dei talebani pakistani, Mehsud, ucciso da un drone volante americano. Al di là della domanda che questa morte solleva (“chi sarà il prossimo capo?”) l’esistenza stessa dei “talebani pakistani” (foto) evidenzia ancora una volta lo strettissimo legame fra Afghanistan e Pakistan, la famosa area strategica AfPak che oggi costituisce una delle culle dell’ideologia islamista. E sui rapporti fra Pakistan e Afghanistan alla luce delle elezioni afgane vale la pena di leggere anche un intervento apparso il 17 agosto su Equilibri.net.

La progressiva islamizzazione dello Stato e della società pakistana costituisce a mio parere il più copertina_9788843047574interessante filone dell’analisi sviluppata da Elisa Giunchi nel suo ottimo libro «Pakistan. Islam, potere e democratizzazione», pubblicato da Carocci (pp. 220, euro 16,50). Giunchi, docente di Storia e istituzioni dei Paesi islamici all’Università Statale di Milano, illustra il lungo processo di islamizzazione del Paese prendendo in esame vari terreni: la scarsa attenzione allo sviluppo economico e sociale del Paese; il dibattito filosofico-politico sui rapporti fra Islam e Stato, e l’influenza esercitata in tale dibattito dal rigorismo wahabita dell’Arabia Saudita; il predominio ideologico esercitato dalle scuole coraniche (madrasa) a fronte della scarsità di risorse per la scuola pubblica, progressivamente islamizzata; la mancata elaborazione di una interpretazione moderna della religione attraverso i mass media e i testi scolastici; i mutamenti nel diritto e nella magistratura e la progressiva “caduta” del senso di laicità dello Stato; il peggioramento della condizione sociale delle donne (cui l’autrice dedica pagine illuminanti); il ruolo predominante giocato dalle Forze armate e dai servizi segreti, che hanno impedito le democratizzazione del Paese; e si potrebbe continuare….

La materia è complessa, ma l’autrice riesce a coniugare nel suo libro profondità di analisi, ricchezza di fonti documentarie e grande chiarezza espositiva (dote rara, quest’ultima, fra gli accademici italiani).

Bhutto_BenazirL’esame di questo processo di islamizzazione attraversa un lungo arco di tempo prendendo in considerazione tutte le tappe principali della storia pakistana: a partire dall’affermarsi dei movimenti islamici nel subcontinente indiano durante l’età coloniale britannica, seguita dalla partition del subcontinente e la nascita del Pakistan, passando poi per le guerre combattute con l’India e la trasformazione del Pakistan Orientale in Bangla Desh, le tensioni fra le varie etnie del Paese, i diversi governi di Ali Bhutto (padre di Benazir), Zia ul-Haq e Pervaiz Musharraf, per giungere infine all’omicidio di Benazir Bhutto (foto) nel dicembre 2007, alla conquista democratica del potere da parte del vedovo Asif Ali Zardari,  nel 2008, e ai precari equilibri politico-militari nell’area AfPak agli inizi del 2009.

L’analisi della società pakistana è condotta peraltro senza dimenticare mai il quadro internazionale, quindi i rapporti del Paese – unica potenza nucleare del mondo musulmano – con l’India, la Cina, gli Usa, l’Afghanistan, al-Qaeda e il movimento dei talebani (movimento che nacque nei primi anni Novanta proprio dal legame fra madrasa pakistane, estremisti afgani, esercito e Isi, i servizi segreti pakistani).

Se una piccola critica si può fare a questo libro brillante, è quella di avere dimenticato di dedicare PAKISTAN CHRISTIANS PROTESTqualche riga in più alla condizione sociale delle minoranze religiose pakistane: hindu, sikh e cristiani, così spesso oggetto di attacchi da parte di fanatici musulmani anche in tempi recentissimi, per la contestata “legge sulla blasfemia” di cui ora i cristiani chiedono l’abolizione attraverso una raccolta di firme (foto). Ma si tratta di una critica che non offusca certo i meriti dell’opera: una sicura autorevolezza, un’attenzione quasi amorosa per i dettagli, e un linguaggio capace di rendere fruibile la materia anche ai non specialisti.

Read Full Post »