Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Università Ca’ Foscari di Venezia’

L’Università Ca’ Foscari di Venezia è uno degli Atenei italiani più vivaci nel campo degli studi sulle arti visive, in tutte le loro declinazioni. A questo proposito segnaliamo un convegno che si terrà appunto a Ca’ Foscari (Aula Baratto/Auditorium Santa Margherita) il 7 e 8 luglio 2010 e intitolato Far comprendere, far vedere. Cinema, fruizione, multimedialità. Il caso “Russie!”. Il convegno ha origine dalla temperie culturale che circonda la mostra-evento Russie! (in corso a Venezia fino al 25 luglio) dedicata a cent’anni d’arte russa dalle avanguardie fino all’underground degli anni ’90, e intende riflettere sui fertilissimi rapporti fra arte e cinema.

Benché la Russia sia un Paese solitamente non trattato su MilleOrienti, il convegno veneziano merita l’attenzione anche degli orientalisti per varie ragioni:  la doppia identità storico-culturale della Russia stessa, parzialmente europea e parzialmente asiatica;  la qualità degli interventi sugli snodi arte-cinema-multimedialità; la presenza di temi di cinematografia asiatica. Fra i molti citabili, c’è  attesa per l’intervento del grande regista Peter Greenaway su «Cinema e arti visive: un primo bilancio»; Greenaway, lo ricordiamo, è autore fra l’altro di I racconti del cuscino (1996), riduzione cinematografica dell’omonimo classico della letteratura giapponese di Sei Shonagon. Marco Muller, sinologo e Direttore del Settore Cinema della Biennale di Venezia, interverrà su «Il cinema e la sintesi delle arti». Roberta Novielli, docente di storia del cinema giapponese a Ca’ Foscari, parlerà di «Arte, letteratura e cinema nella tradizione giapponese», spaziando da I racconti del cuscino di Greenaway a Cinque donne intorno a Utamaro di Mizoguchi Kenji (1947).
Un tema affascinante, quello del rapporto fra cinema e arte, su cui MilleOrienti ritornerà senz’altro.

Una immagine da «Cinque donne intorno a Utamaro» di Mizoguchi Kenji (1947)


Annunci

Read Full Post »

Gli amanti della letteratura giapponese non dovranno perdersi il nuovissimo libro di Luisa Bienati e Adriana Boscaro: La narrativa giapponese classica (Marsilio editori, pp.232 con 42 illustrazioni, euro 12,50).  Il volume accompagna il lettore in un lungo percorso, descrivendo le varie fasi, gli aspetti fondamentali e i generi della narrativa giapponese classica: dalla prima opera che narra la mitica nascita del Giappone, il Kojiki (712 d.C.), passando per l’esplosione della narrativa popolare nei secoli XVIII-XIX, fino ad arrivare alle soglie dell’età moderna.

Le due autrici sono fra le massime esperte di cultura giapponese in Italia: Adriana Boscaro, già Direttrice dell’Istituto di Lingua e Letteratura Giapponese dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, dal 1985 dirige la collana di letteratura giapponese «Mille Gru» della Marsilio Editori. Per Marsilio ha curato i tre volumi della Storia della letteratura giapponese di Kato Shuichi (un Maestro che MilleOrienti aveva ricordato in questo post) e per la collana dei Classici Bompiani la raccolta delle Opere di Tanizaki Junichiro. Luisa Bienati insegna Letteratura giapponese presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia ed è, fra l’altro, coautrice del volume La narrativa giapponese moderna e contemporanea (Marsilio 2009) che costituisce l’ideale proseguimento fino ai giorni nostri dell’opera che qui presentiamo. MilleOrienti l’aveva recensito qui.

Read Full Post »